skip to Main Content
Mondiali Di Pechino, Pertile 4° Nella Maratona

Blog

Mondiali di Pechino, Pertile 4° nella Maratona

#La maratona: passo dopo passo

Se si scorre la classifica della Maratona Maschile ai Mondiali di Atletica di Mosca 2013 non si trova nessun italiano tra i primi 50… a distanza di due anni, ad un anno dalle Olimpiadi di Rio, ai Mondiali di Pechino 2015, il Running Italiano rialza la testa e piazza due atleti nei primi 10.

Nello sport molte volte ci si ricorda solamente dell’Oro, in alcuni casi dell’Argento e raramente del Bronzo… quasi mai si dedica attenzione al quarto classificato… ma in questo caso il risultato del nostro Ruggero Pertile ai Mondiali deve essere ricordato! Il 22 agosto 2015, l’atleta Padovano, a 41 anni, ha chiuso la Maratona in 2h14’22”… a pochi secondi del terzo gradino del podio, ma questo ai veri Maratoneti non interessa.
Gli amici della corsa, agonisti e amatori, sanno bene quale ottimo risultato sia per l’atletica e per lo sport il quarto posto del nostro compaesano. La Maratona è una tra le discipline più impegnative, che mette a dura prova sia il fisico che la mente… e Ruggero ci ha dimostrato che l’esperienza, la disciplina, l’allenamento e la motivazione a volte contano più dell’età anagrafica!
A Pechino quest’anno si è vissuta una gara tra le più difficili, la temperatura dell’aria era superiore ai 30°C e l’umidità al via era vicina all’80%, queste condizioni hanno determinato una gara che gli esperti giudicano lenta e infatti persino il primatista Mondiale, Daniel Kipruto Kimetto, si è ritirato.
Ruggero, però, dall’alto della sua esperienza ha stretto i denti e si è spinto oltre le difficoltà ambientali e fisiche, tagliando il traguardo appena un passo dietro all’Ugandese Munyo Solomon Mutai (terzo con 2h13’29”). Per dovere di cronaca e per dare il giusto riconoscimento anche agli altri atleti, la gara è stata vinta dal diciannovenne Eritreo Ghirmay Ghebreslassie che l’ha chiusa in 2h12’27”, seguito dall’Etiope Yemane Tsegay (secondo con 2h13’07”).
A fine corsa il nostro atleta si è detto sorpreso del risultato, l’ha definita la miglior gara della sua carriera ma un pizzico di delusione gliela si leggeva negli occhi per non essere riuscito a raggiungere Mutai, terzo al traguardo.
Pertile ha corso la Maratona proprio come si era prefissato, dosando le energie e al fianco a Meucci (l’altro giovane italiano in gara, giunto 8° al traguardo). Al 32° km, tuttavia, il Campione Europeo Meucci ha avuto un problema fisico e si è dovuto fermare per qualche istante, Ruggero ha così proseguito da solo e ha dato tutto ciò che aveva fino al traguardo.
 
Ruggero Pertile - Mondiali di Pechino
 
A 41 anni, alla sua 28° Maratona, Ruggero ha dimostrato di essere un atleta maturo, ancora fortissimo e, come ha dichiarato – non si sente vecchio – e si dice pronto e lanciato verso l’Olimpiade di Rio 2016. In Brasile le condizioni meteo saranno pressoché simili e magari il nostro Runner potrà dare la zampata finale e coronare una Carriera agonistica importante, già ricca di soddisfazioni!
I Runner di tutta Italia sicuramente saranno incollati davanti alla tv tifando per gli Atleti Italiani e in particolare per lui, Ruggero che ha dimostrato che non esiste un’età prestabilita per raggiungere obiettivi ambiziosi!
Noi Runner SHOW saremo in prima fila perché sappiamo cosa significa affrontare una Maratona e, soprattutto, che al di là della medaglia, ogni impresa come quella di Ruggero va riportata all’attenzione di tutti e per questo desideriamo ringraziarlo per aver portato i Colori Azzurri e l’atletica Padovana così in alto!
Ecco un breve ritratto (agonistico) di Ruggero Pertile, Top Runner Italiano!
Ruggero nasce a Camposampiero, in provincia di Padova, nell’agosto di 41 anni fa, nel 1999 a 25 anni corre la sua prima Maratona, 12° al traguardo con il tempo di 2h15’00” della 14° edizione della Maratona di Venezia. Ha vinto due volte la Maratona di Roma (nel 2004 e nel 2006), importante per le sue origini Venete è la vittoria della Maratona di Padova valida per il titolo tricolore nel 2006. Il suo record personale lo ha stabilito correndo la Maratona di Torino e dove ha fissato il cronometro su 2h09’53”. È giunto quarto agli Europei di Barcellona nel 2010, ottavo ai Mondiali di Daegu nel 2011 e 10° ai giochi Olimpici di Londra 2012. Settimo agli Europei vinti dall’altro giovane italiano Meucci, pochi giorni fa è arrivato 4° ai Mondiali di Pechino… aspettando Rio 2016… Forza Ruggero!

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *