Invecchiamento On The Road: il cammino verso la longevità

Tempo di lettura: 7 '

The Long and Winding Road verso la longevità. Certo i Beatles cantavano che la strada verso l’amore è lunga e tortuosa. Ti tranquillizziamo per un fisico dinamico e in grado di rispettare le tue aspettative i passi da fare sono tutto tranne che “winding”. Al contrario, sono molto semplici. Soprattutto per tardare l’invecchiamento. Certo c’è bisogno di impegno, determinazione. Quali sono i passi giusti per tenere lontano l’invecchiamento e incamminarsi verso una longevità sana e coerente con le proprie aspirazioni?

Molto facili:

Introduzione alla longevità

Anno 2020. Negli ultimi decenni, i progressi medici, soprattutto nella lotta alle malattie croniche non trasmissibili, e le campagne contro il tabagismo hanno contribuito in modo determinante al miglioramento dell’aspettativa di vita, basti pensare che solo negli ultimi vent’anni l’aspettativa di vita nel mondo è salita di 6 anni (arrivando a 68 anni per gli uomini e 73 per le donne).

Italia ed Europa, i numeri che non invecchiano mai

L’Italia, nella top ten dei Paesi con più alta longevità, registra un’aspettativa di vita di 80,2 anni per gli uomini e di ben 85 per le donne. La scienza e la medicina stanno diventando sempre più abili e preparate nella diagnosi e cura di malattie e patologie. Eppure, il numero di persone anziane sta diventando sempre più alto. Si stima che in Europa entro il 2050 il 27% della popolazione avrà 65 anni o più.

Esercizi di flessibilità per mantenere il corpo lontano dall’invecchiamento.

Obiettivo Anti-Invecchiamento: perché SI

Rimanere in salute a lungo, mantenendo un buona vitalità è un obiettivo alla portata. Sgomberiamo il campo da dubbi. Il motivo? Le conoscenze veramente molto ampie sulla tematica. L’intervento prioritario promosso dall’OMS per far fronte a questa situazione è quello di prevenire il problema attraverso la diffusione di uno stile di vita sano. Che cosa significa? Mantenersi attivi.

Secondo le statistiche, l’inattività fisica è il quarto più importante fattore di rischio di mortalità nel mondo. 3,2 i milioni di morti l’anno, oltre ad essere una delle cause fondamentali per le malattie non trasmissibili (patologie cardiovascolari, tumori e diabete).

Vuoi scoprire l’elisir di eterna giovinezza?

Per te, abbiamo riservato la possibilità di richiedere senza impegno un’analisi dello stato di salute del tuo corpo e di toccare con mano i benefici dell’allenamento monitorato e personalizzato.

I benefici dell’attività fisica contro l’invecchiamento

Per risultare benefica per la salute cardio respiratoria, l’OMS raccomanda per bambini e adolescenti almeno 60 minuti al giorno di attività da moderata a vigorosa, mentre per gli adulti 150 minuti a settimana. Tra i benefici riconosciuti a livelli di attività fisica regolari e adeguati troviamo:

  • Miglioramento della salute ossea,
  • Maggiore benessere muscolare e cardiorespiratorio,
  • Riduzione del rischio di ipertensione, di malattie cardiache coronariche, di ictus, diabete, tumore della mammella e del colon
  • Rischi inferiori di cadute e di fratture dell’anca o delle vertebre.
  • Fondamentali per l’equilibrio energetico e il controllo del peso, nonché per la riduzione della depressione.

Nonostante questi benefici evidenti, solo il 22% degli individui di età superiore i 65 anni si allena con regolarità, mentre appena l’11% delle persone sopra gli 85 anni si impegna nella pratica dell’attività fisica.

Che tipo di esercizio serve contro l’invecchiamento?

Per mantenere un buono stato di forma fisica e salute, è indispensabile compiere un’attività fisica che combini esercizi di fiato, di forza e di flessibilità. L’intensità e la durata dell’attività fisica dovrebbero essere leggere all’inizio, ma poi il percorso deve essere personalizzato e strutturato a seconda del proprio stato fisico. Talvolta potrebbe essere necessario un approccio conservativo per gli anziani più decondizionati e fisicamente limitati, ma è pur vero che un’intensità vigorosa e un aumento della forza del proprio fisico, attraverso protocolli di allenamento rispettosi del metodo, aiutano i muscoli ad essere più efficienti.

Passeggiare è una sana abitudine quotidiana, se combinata con esercizi di forza

Cibo, le buone abitudini per la tua salute

Le quattro fonti di calorie per aiutare il nostro corpo a vincere la sfida contro l’invecchiamento sono:

  • Carboidrati (4 Kcal/g),
  • Proteine (4 Kcal/g),
  • Grassi (9 Kcal/g)
  • Alcol (7 Kcal/g).

Come per ogni nutriente, è giusto non demonizzarne uno rispetto ad altri, bisogna piuttosto conoscerne le proprietà. Equilibrio per sfruttarli al meglio.

Vuoi mangiare bene e sano, senza rinunciare al sapore e al piacere del cibo prelibato?


Non tutti i carboidrati, ad esempio, sono dannosi. La stessa cosa si può anche per i grassi, le proteine o l’alcool.
Legumi, cereali integrali, la maggior parte delle verdure e molta frutta (meno fichi, l’uva, le banane, i cachi ecc.) sono eccellenti e pregiate fonti di carboidrati. Perché? Facile: indice glicemico basso e di conseguenza post pasto nessun picco glicemico.
Cereali raffinati e derivati, frutta zuccherina ad esempio fanno parte della categoria dei carboidrati cattivi e che dovrebbero essere consumati con attenzione e cautela.
Soia, altri legumi, pesce ed altri prodotti ittici, carne bianca sono fonti di proteine che possiamo definire “buone” a differenza del rosso d’uovo e la carne rossa.


Grandi fonti di lipidi alimentari sono il pesce, l’olio extra vergine di oliva, di avocado, di pesce, oltre alla frutta secca tostata. Attenzione su quest’ultima, non deve essere salata, mentre da tenere lontano dalla nostra tavola i grassi terribili come quelli delle margarine, delle fritture e degli oli tropicali.

Capitolo alcolici: il vino rosso è ricco di sostanze antiossidanti e protettive. Consumarlo con parsimonia è un dovere e durante i pasti – se vuoi – un bicchiere o al massimo due (piccoli) possono essere bevuti. Discorso differente quando si è a stomaco vuoto, in gravidanza, in allattamento ed ovviamente in età infantile: in questi casi alcool, no free zone.

Il Piatto Unico, un’idea per rallentare l’invecchiamento

Da Harvard, gli esperti nutrizionisti dell’ateneo americano hanno proposto un nuovo modo di mangiare e perché no, di intendere l’alimentazione e gli apporti nutrizionali. Si chiama Piatto Unico ed è una via da sperimentare per cercare di mangiare in modo sano e gustoso, rispettando i corretti apporti alimentari.

D’altronde il cibo sano è una scienza esatta. Proprio come il piatto unico. 50% di quello che mangi è composta da carboidrati. Quelli “buoni” sottoforma di verdura, il 25% è composto da cereali integrali o patate, mentre nel restante 25% ci sono le proteine di origine animale o vegetale.

Come puoi intuire, soprattutto nella terza età e per combattere l’invecchiamento sono necessarie strategie a tutto campo in grado di dare al tuo corpo l’energia di cui ha bisogno. In questo senso è molto importante l’apporto dei grassi buoni dell’olio extra vergine d’oliva o dei fitonutrienti che si possono trovare nella frutta secca, nelle spezie o nelle erbe aromatiche.

Esercizio indoor o outdoor? L’importante è scegliere di muoversi

Il riposo che conta

Spesso le abitudini, quelle salutari, possono metterti al riparo da molti e spiacevoli problemi. Ecco allora un breve remind che ti può servire per ripassare alcuni dettagli fondamentali per il tuo relax:

  • Orari Regolari. Coricarti a letto e svegliarti alla stessa ora, 7 giorni su 7 è il primo segreto per dare al tuo corpo giovinezza e freschezza. L’orologio biologico non distingue la settimana di lavoro dal week end perciò il consiglio è quello di cercare di sincronizzare il più possibile la fase sonnolenta con le ore di sonno e la fase di veglia con la vita attiva, anche nel fine settimana. Riduce gli scompensi nei tempi di reazione e distanzia la possibilità di soffrire di mancanza di energia, disturbi cognitivi e sbalzi d’umore.
  • Caffeina no dopo le 14.00. Limitare l’apporto giornaliero di caffeina è una buona idea. Gli esperti sostengono che quest’ultima resti in circolo per ben 6 ore dopo l’ultimo sorso. Dose massima consigliata 300 mg.
  • Temperatura corporea sempre in controllo e riposa tra 30/35 gradi. Poco da aggiungere visto l’epoca in cui viviamo!
  • Smartphone riduciamo l’impatto. Facebook, Instagram, Twitter, WhatsApp, prima di dormire, conciliano tutto meno che il tuo sonno. Lo sai perché? La luce dello schermo simula una sorta di effetto giorno all’interno del cervello e blocca la produzione di melotonina, l’ormone che viene prodotto quando siamo al buio completo e che stimola il relax.
  • Inizia a muoverti. L’insonnia è davvero complessa da affrontare, ma prima di iniziare un cammino farmacologico prova a fare un tragitto legato all’esercizio fisico personalizzato in grado di migliorare la qualità del tuo benessere psico-fisico

Tre esercizi perfetti per la tua salute

Ovviamente non possono mancare i nostri top 3 per mantenere sempre un fisico dinamico e giovane, a prova di qualsiasi crema anti-invecchiamento.

Box Squat Overhead

Con il Box Squat Overhead rinforzi cosce e glutei allo stesso tempo. Se utilizzi un appoggio un po’ più basso del normale per sederti, portando le braccia distese in alto, sentirai una grande attivazione anche di altri due muscoli importanti: gli erettori spinali e le spalle. I primi aiutano a tenere una postura diritta evitando che le curve della schiena eccedano, mentre le seconde sono fondamentali per avere stabilità e controllo nelle attività di sollevamento.

Plank Isometrico

Con il Plank isometrico rinforzi muscolarmente la parete addominale. Se lo fai in isometria, dopo aver allenato gli addominali obliqui in modo dinamico, isoli l’attivazione sulla parte centrale dell’addome. Quando sei in posizione di Plank, immagina di portare i gomiti verso i piedi e i piedi verso i gomiti, senza modificare la tua posizione statica. In questa maniera potrai assaporare un’attivazione muscolare davvero profonda e utile per guadagnare una forza muscolare straordinaria.

Prone Bridge Dinamico

Per completare questo mini circuito, cosa c’è di meglio che un bel Prone Bridge? È ideale per attivare in modo analitico gli addominali. Durante il movimento di avvicinamento e allontanamento del bacino dal pavimento immagina di portare i gomiti verso i piedi e i piedi verso i gomiti. In questa maniera sentirai l’esercizio ancora più efficace e stimolante per i tuoi muscoli.

Vuoi mettere in pratica questi consigli insieme alla nostra squadra di professionisti?

Richiedi ora un allenamento personalizzato, durante il quale ti spiegheremo tutti gli esercizi che possono aiutarti a mantenere un fisico giovane e dinamico per vivere al meglio ogni tua età.

I 3 consigli per rallentare l’invecchiamento con l’esercizio fisico

Tempo di lettura: 6 '

Rallentare l’invecchiamento: come si fa? Staccare completamente, scoprire le bellezze del nostro paese e soprattutto prendersi del tempo per muoversi e praticare sport.


Ancora di più quest’anno è importante che tu riesca a prenderti cura della tua vita a 360 gradi. Esercizio fisico, alimentazione, riposo, relax, ogni aspetto è importante per essere sempre una persona più attiva, sana e felice.

I rischi di una vita sedentaria

Con l’avanzare del tempo, il fisico inevitabilmente perde qualche colpo e se non curato, può andare incontro a patologie di varia natura:

  1. L’ipertensione arteriosi
  2. Il diabete
  3. Patologie cardiovascolari (ischemia o infarto del miocardio, aritmie)
  4. Infezioni respiratorie croniche (in particolare la broncopatia cronica ostruttiva e l’enfisema polmonare).
  5. Le malattie osteoarticolari (osteoporosi)

Altre patologie meno frequenti ma non rare sono:

  1. Le epatopatie croniche
  2. Le malattie neurologiche di tipo circolatorio (ictus, TIA- attacchi ischemici transitori) o degenerativo (aterosclerosi, demenze senili, Morbo di Parkinson)
  3. Le malattie renali.

La longevità dovrebbe essere di per sé una conquista, ma spesso si trasforma in dipendenza dall’altro. L’invecchiamento demografico con modificazioni strutturali della società ha numerose implicazioni sia sul piano economico, che previdenziale ed assistenziale. Infatti, il numero sempre crescente di anziani si traduce in richieste sempre maggiori di servizi socio-sanitari e di cura.

Un futuro da rallentare

Circa le previsioni per il futuro, i pareri degli esperti sono discordi. Accanto a chi afferma che il progressivo miglioramento dello stile di vita ed i progressi della scienza medica riusciranno a comprimere la morbilità e l’invalidità nelle fasi estreme della vita, c’è chi ritiene, invece, inevitabile la progressiva espansione delle malattie associate all’invecchiamento e della disabilità con il risultato di una vita più lunga ma vissuta in peggiori condizioni di salute ed autonomia funzionale.

In questo contesto la parte di popolazione maggiormente esposta è nel paziente geriatrico fragile definito come “un individuo di età uguale o superiore ai 75 anni” affetto da particolari patologie o pluripatologie che assommate ad una serie di fattori: ambientali, sociali, economici, familiari, psicologici possono causare una perdita di autonomia.

I vantaggi di una vita in movimento ricadono infine anche sul benessere psicologico ed emotivo perché aumentano la produzione di:

  • Ossiticina
  • Endorfine
  • Dopamina
  • Serotonina

L’invecchiamento, come conviverci

L’invecchiamento per definizione è un processo biologico universale caratterizzato da un progressivo sviluppo, maturazione e declino dell’organismo dalla nascita fino alla morte ed è un processo multifattoriale caratterizzato da una progressiva perdita delle capacità funzionali e da una crescente comorbidità, direttamente proporzionali all’avanzare degli anni.

Secondo le nuove classificazioni dell’OMS la popolazione può essere suddivisa in:

  • individui di età media (45-59 anni),
  • anziani (60-74 anni),
  • vecchi (75-90)
  • grandi vecchi (oltre i 90).

Uno studio condotto dal Pew Research Center, Attitudes about aging: a global perspective (Gennaio 2014) che prende in esame 23 Stati a livello mondiale, ha mostrato che il Giappone e la Corea del Sud saranno i Paesi più “vecchi” rispettivamente con il 36 e il 35% della popolazione con più di 65 anni. Seguono la Spagna (34%) ed a pari merito l’Italia e la Germania (33%).

Italia, una situazione tutta da capire

Nelle previsioni realizzate dall’Istat e dall’Eurostat l’Italia presenta tassi di fecondità tra i più bassi e livelli di sopravvivenza tra i più elevati al mondo. I più recenti dati Istat mostrano che la vita media degli uomini passerà da 77,4 anni nel 2005 a 83,6 nel 2050 e quella delle donne da 83,3 a 88,8.

In Italia ci sono 147,2 anziani ogni cento giovani (indice di vecchiaia). Il numero di ultra 65enni pari al 20,3% del totale, aumenterà fino al 2043, anno in cui oltrepasserà il 32%.

Il dato demografico più rilevante, per le importanti implicazioni economiche e socio-sanitarie, è quello del prevalente incremento dei soggetti vecchi pari ad oggi a 2.3 milioni dei quali 800 mila maschi e 1.5 milioni femmine. I vecchi rappresentano la parte di popolazione dove si concentra maggiormente la morbilità e la disabilità e dove è più elevato il numero di soggetti fragili così definiti in quanto affetti da multiple patologie, con stato di salute instabile e frequentemente disabili, con un maggior rischio di morte.

Rallentare l’invecchiamento, almeno in termini biologici, può aiutare la Sanità in termini di costi ed assistenzialismo, perché con una popolazione più attiva e forte, i ricoveri ospedalieri diminuiscono.

Alimentazione sana, una buona strategia per rallentare l’invecchiamento

Mangiare in modo equilibrato ti aiuta a vivere meglio. Questo è innegabile. Secondo gli esperti di nutrizione della Harvard T.H. Chan School of Public Health e dagli editori delle Pubblicazioni Harvard Health, una soluzione in grado di creare pasti salutari e bilanciati, sia che siano serviti su un piatto è il Piatto Unico.

Quali sono i 3 punti di forza di questo metodo?

  • Metà del piatto (lo spicchio più grande) è composta da carboidrati nella forma di verdura. Il 50% del tuo pasto, quindi, è costituito da verdura (c’è anche la variabile: 35% verdura e 15% frutta).
  • Un altro spicchio, un 25% del piatto, è occupato dai carboidrati sottoforma di cereali integrali o da patate.
  • L’ultimo spicchio, il rimanente 25% del piatto, è dedicato alle proteine di origine animale (carne, uova, pesce) o vegetale (legumi).

In questo modo sia la tua colazione, come il tuo pranzo o la tua cena, puoi calibrarla al meglio dando gusto ed equilibrio a quello che mangi. Sempre con idee nuove e interessanti per il tuo metabolismo.

L’importanza del BMI

Perché è così importante il controllo del peso in una strategia volta a rallentare l’invecchiamento?

La gestione del peso corporeo dipende dal bilancio energetico determinato dall’assunzione di energia e del dispendio energetico. Su larga scala il sovrappeso e l’obesità si calcolano grazie all’indice di massa corporea BMI (BodyMass Index), che ne definisce le condizioni. È un valore numerico che si ottiene dividendo il peso (espresso in chilogrammi) per il quadrato dell’altezza (espressa in metri). L’OMS afferma che si considera in sovrappeso un individuo con BMI uguale o superiore a 25 e fino a 29,99, mentre viene considerato obeso chi ha un BMI superiore a 30. Le condizioni di sovrappeso e obesità sono motivo di preoccupazione perché sono legate a numerose malattie croniche tra cui le malattie cardiovascolari, il diabete mellito, molte forme di cancro e numerosi disturbi muscolo-scheletrici.

Che tipo di esercizio fisico svolgere?

Per mantenere un buono stato di forma fisica e salute, è indispensabile che una persona anziana o vecchia compia un’attività fisica che comprenda esercizi di fiato, di forza e di flessibilità. La dose minima di attività fisica necessaria ad aumentare la salute e lo stato di forma fisica è compatibile con la raccomandazione dell’OMS data per gli adulti, cioè di 150 minuti a settimana, che significa 30 minuti al giorno per 5 giorni a settimana o 21,43 minuti se ci si allena ogni giorno.

L’attività fisica viene raccomandata come componente cruciale per gestire al meglio la propria quotidianità. I benefici rispetto ai pari età che non si allenano? Innumerevoli:

  • cambiamenti fisici più attenuati in relazione al livello di allenamento del proprio corpo
  • ottimizzazione della relazione età/composizione corporea
  • capacità fisiologiche e cognitive migliori
  • gestione implementata delle cronicità
  • riduzione dei rischi di incorrere in disabilità fisiche
  • maggiore longevità

Nonostante questi benefici evidenti, solo il 22% degli individui di età superiore i 65 anni si allena con regolarità, mentre sono appena l’11% delle persone sopra gli 85 anni ad impegnarsi nella pratica dell’attività fisica.

Rallentare l’invecchiamento: patologie metaboliche e osteoarticolari

È stato provato che l’esercizio non ha controindicazioni per quanto riguarda le patologie osteoarticolari e metaboliche, al contrario rallenta l’invecchiamento cellulare e contribuisce ad un sensibile miglioramento della qualità della vita in soggetti dalle basse capacità funzionali, debolezze muscolari e decondizionati.  Ovviamente è raccomandabile che l’attività sia individuale e monitorata e che vengano combinate sessioni aerobiche, con programmi di esercizio volti a dare maggiore forza e flessibilità per muscoli ed ossa.  È notorio che invecchiando il rischio di cadute e una mobilità ridotta del proprio fisico siano sempre dietro l’angolo ed è quindi altamente consigliabile lavorare anche su protocolli di allenamento con esercizi neuromotori in grado di migliorare il bilanciamento, l’agilità e la propriocezione del corpo. Ripetiamo, l’età non dovrebbe essere una barriera per interrompere il lavoro quotidiano sul proprio corpo attraverso l’esercizio fisico, anche perché come il vino “i miglioramenti” possono esserci a qualsiasi età.

Fiato per rallentare l’invecchiamento

Allenare il fiato è importante aiuta ad innalzare il consumo energetico giornaliero, migliora la perfusione periferica, abbassa la pressione e la frequenza cardiaca a riposo. Sicuramente le tempistiche sono importanti. Come sempre 30 o 60 minuti di allenamento danno un grande beneficio al fisico. Si può svolgere attività fisica continuativa ad intensità moderata 5 volte a settimana oppure in maniera vigorosa per 3 giorni settimanali. Le modalità di esercizio aerobico devono prevedere dei carichi adeguati alle articolazioni e a livello osseo. La camminata può andare più che bene, ma anche attività legate alla cyclette possono dare benefici importanti.

Forza è il tempo di ringiovanire

Gli esercizi di forza invece aiutano a rendere la muscolatura del corpo più tonica e reattiva, favorendo l’equilibrio e la stabilità delle articolazioni. Aiuta, inoltre, a incrementare la massa magra permettendo di bruciare più calorie in condizioni di riposo. L’intensità deve variare tra carichi di moderata intensità (60-70%) o bassa intensità (40-50%), con solo una ripetizione per esercizio. Per quanto riguarda gli esercizi da fare sono consigliati programmi con i pesi o calistenici, arrampicata ed altre attività di rafforzamento dei principali gruppi muscolari del corpo. Non più di 8-10 esercizi da svolgere, con 10-15 ripetizione per ciascun esercizio.

Flessibili contro l’invecchiamento

Gli esercizi di flessibilità generalmente vengono incoraggiati come parte di un programma completo di esercizio da svolgere due volte a settimana. Di cruciale importanza è capire il punto di tensione ideale per creare delle leggere aree di miglioramento per i muscoli. I movimenti per aumentare la flessibilità devono lenti con allungamenti prolungati per ciascun gruppo muscolare, preferendo allungamenti statici rispetto a rapidi movimenti balisitici. Esercizi nueromotori che sappiano combinare equilibrio, agilità e propriacetività nell’allenamento sono consigliabili perché aiutano a prevenire e diminuire le cadute. In termini di frequenza, sempre bene dedicare 2 o 3 sessioni a settimana.

Un vecchio adagio inglese sosteneva “Non è che non ci si allena più perché stiamo invecchiando, ma invecchiamo perché non ci alleniamo più”. A te l’opportunità di cambiarlo in un più consono “non è che mi alleno perché voglio rimanere giovane, ma rimango giovane perché mi alleno di più!

Che bello!

Siamo contenti tu abbia deciso di iniziare da oggi il tuo cambiamento.

Nelle prossime ore ci prenderemo cura di contattarti per fissare il nostro primo incontro.

A presto!

Il Team di Show Club

Sei giu00e0 cliente Break?

ABBIAMO UNA BELLA NOTIZIA PER TE!

Avrai la possibilitu00e0 di convertire i tuoi allenamenti in sessioni di Virtual Group Training!

Una soluzione rapida, efficace, ancora piu00f9 sicura per continuare il tuo percorso direttamente da casa, senza pagare servizi in piu00f9.

Clicca sul tasto arancione qui sotto e ti contatteremo al piu00f9 presto per fornirti tutti i dettagli per accompagnarti nel mondo di Show Virtual Group Training!

Ti stai iscrivendo alla nostra newsletter


    MF

    Cliccando su invio dichiaro di aver letto e accetto l’informativa privacy.

    Fantastico!

    L’operazione è andata a buon fine!

    A presto!

    Il Team di Show Club

    Prossimamente sugli schermi Show una sorpresa per te!

    Sei giu00e0 cliente Break?

    ABBIAMO UNA BELLA NOTIZIA PER TE!

    Avrai la possibilitu00e0 di convertire i tuoi allenamenti in sessioni di Virtual Group Training!

    Una soluzione rapida, efficace, ancora piu00f9 sicura per continuare il tuo percorso direttamente da casa, senza pagare servizi in piu00f9.

    Clicca sul tasto arancione qui sotto e ti contatteremo al piu00f9 presto per fornirti tutti i dettagli per accompagnarti nel mondo di Show Virtual Group Training!

    Prossimamente sugli schermi Show una sorpresa per te!

    Ti stai iscrivendo alla nostra newsletter


      MF

      Cliccando su invio dichiaro di aver letto e accetto l’informativa privacy.

      Fantastico!

      L’operazione è andata a buon fine!

      A presto!

      Il Team di Show Club

      Ti stai iscrivendo alla nostra newsletter


        MF

        Cliccando su invio dichiaro di aver letto e accetto l’informativa privacy.

        Che bello!

        Siamo contenti tu abbia deciso di iniziare da oggi il tuo cambiamento.

        Nelle prossime ore ci prenderemo cura di contattarti per fissare il nostro primo incontro.

        A presto!

        Il Team di Show Club

        Sei giu00e0 cliente Break?

        ABBIAMO UNA BELLA NOTIZIA PER TE!

        Avrai la possibilitu00e0 di convertire i tuoi allenamenti in sessioni di Virtual Group Training!

        Una soluzione rapida, efficace, ancora piu00f9 sicura per continuare il tuo percorso direttamente da casa, senza pagare servizi in piu00f9.

        Clicca sul tasto arancione qui sotto e ti contatteremo al piu00f9 presto per fornirti tutti i dettagli per accompagnarti nel mondo di Show Virtual Group Training!

        Prossimamente sugli schermi Show una sorpresa per te!

        Fantastico!

        L’operazione è andata a buon fine!

        A presto!

        Il Team di Show Club

        Che bello!

        Siamo contenti tu abbia deciso di iniziare da oggi il tuo cambiamento.

        Nelle prossime ore ci prenderemo cura di contattarti per fissare il nostro primo incontro.

        A presto!

        Il Team di Show Club