skip to Main Content
Carboidrati Nemici Della Linea? Adesso Pasta!

Blog

Carboidrati nemici della linea? Adesso pasta!

#News & Eventi #Wellness e stili di vita

Tra gli errori più comuni che si fanno quando si decide di cominciare una dieta dimagrante c’è quello di ridurre o eliminare completamente pane e pasta perché “hanno tante calorie e fanno ingrassare’. Niente di più lontano dalla realtà. Scopri insieme a noi perché si tratta di un’autentica… bufala! (no, non la mozzarella) 🙂

Carboidrati: il combustibile primario della macchina umana

I glucidi, più conosciuti con il nome di carboidrati, sono il combustibile primario della macchina umana poiché il loro compito principale è proprio quello di dare all’organismo l’energia necessaria per mantenere le funzioni fisiologiche indispensabili per la vita. In base alla loro struttura chimica, i carboidrati vengono suddivisi in:
– Semplici: per comodità e a causa del loro tipico sapore dolce vengono chiamati zuccheri. I glucidi semplici praticamente non necessitano di digestione e vengono assimilati molto velocemente.
– Complessi: costituiti da catene di zuccheri semplici uniti tra loro, i glucidi complessi, al contrario, per poter essere assimilati devono prima essere scomposti nei loro costituenti fondamentali e, di conseguenza, vengono assorbiti più lentamente.
Ed è proprio su questa differente capacità di assorbimento che dobbiamo concentrare la nostra attenzione: quando mangiamo miele o zucchero, costituiti da zuccheri semplici, questi entrano rapidamente in circolo e la glicemia si alza molto velocemente; quando invece mangiamo un piatto di pasta, ricchissima di amido, il livello di zuccheri nel sangue non è soggetto a picchi glicemici ma cresce in maniera più graduale consentendoci di bruciare l’energia in un arco di tempo maggiore.

Indice glicemico, un valore da tenere d’occhio

Il cosiddetto Indice Glicemico, cioè la misura della velocità con cui i diversi carboidrati fanno alzare la glicemia, è un fattore importante per capire la loro reale qualità nutritiva. Numerosi studi hanno infatti dimostrato che una dieta a basso IG aiuta a prevenire obesità e diabete; proprio sulla base di queste evidenze scientifiche, la maggior parte dei nutrizionisti consiglia di non eccedere con gli zuccheri semplici (miele, zucchero, dolci in genere) dando invece la preferenza agli alimenti ricchi di fibre, fondamentali per rallentare l’assimilazione degli zuccheri ed evitare che il fegato abbia bisogno dell’insulina per metabolizzare gli zuccheri in grassi.

Quindi? Pasta sì, ma con qualche accorgimento

Ormai l’avrai capito: i carboidrati sono un macronutriente fondamentale per una corretta alimentazione, da non eliminare nemmeno quando si vuole dimagrire. Ecco alcuni semplici consigli per mangiare carboidrati senza rischiare di prendere peso:
– Opta per la versione integrale: i cibi integrali hanno più nutrienti rispetto a quelli raffinati e apportano zuccheri a basso indice glicemico.
– Cuocili il meno possibile per contenere l’indice glicemico.
– Consumali insieme alle fibre di verdure e legumi (una pasta integrale con verdure è più adatta ad una dieta dimagrante rispetto ad una semplice pasta integrale in bianco)
– Fai attenzione alla quantità: il troppo, come si suol dire…stroppia! 🙂

Condividi l'articolo sui social
Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *